Mitutoyo in Europa: 50 anni di passione per la metrologia

Il costruttore Mitutoyo è sempre stato, nella sua lunga storia, il pioniere della qualità assoluta nella produzione di  strumenti di misura portatili, macchine di misura a coordinate a contatto e ottiche, durometri e strumenti di misura della forma. Ha studiato soluzioni per l'automazione e l' Industria 4.0, che sono considerate tra le migliori e più innovative in tutto il mondo. Adesso, l'azienda giapponese, celebra il suo 50 ° anniversariodi presenza nel mercato europeo.


È stata lunga strada che, dalle sue umili origini, ha portato Mitutoyo ad essere, in Europa, uno dei principali fornitori di strumentazione di misura per il controllo qualità, in tutti i settori dell' industria.

Mitutoyo nasce nel 1934 con l'istituzione, da parte del fondatore Yehan Numata, di un centro di ricerca avente lo scopo di produrre i primi micrometri giapponesi, nel distretto Kamata di Tokyo.

Numata nacque nella famiglia di un sacerdote buddista. Fu accettato all'università della California, a Berkeley, dove si laureò in statistica e si laureò in economia.

Nel 1934, affittò un piccolo ufficio vicino a Tokyo, per produrre un prototipo di micrometro ed al suo interno interno costruì una sala di taratura con temperatura e umidità costanti. Il ciclo di produzione del primo modello era di 100 unità, ma il suo controllo di qualità era così rigoroso che permise di venderne solo 17.

Negli anni e decenni a seguire i micrometri acquisirono grande qualità e precisione. Inoltre,vennero aggiunti alla produzione altri strumenti di misura portatili: calibri a corsoio e ad orologio, micrometri di profondità e per interni, misuratori di altezze e molti altri. Gli strumenti Mitutoyo non ebbero successo solo a livello nazionale e quindi, nel 1963, venne fondato il primo dipartimento d'oltremare in Nord America .

All'epoca, il figlio di Yehan, Yoshiteru, visitò i primi due Rivenditori europei in Gran Bretagna (Draper) e nei Paesi Bassi (Hoekstra), avendo già in programma di creare una sede europea in Germania. In una seconda visita incontrò Bernd Schrader, il proprietario di Sartorius Nachf. che, in seguito, divenne agente esclusivo in Germania, partner alla pari (Sartorius Mitutoyo) e uno dei distributori più importanti. Nel 1965 il signor Nakajima si presentò nell'ufficio di Schrader, portando con sé calibro a corsoio, un micrometro, un comparatore e un misuratore di altezza realizzati da Mitutoyo. Schrader e il suo team, apprezzarono la qualità degli strumenti ed intuirono la possibilità di introdurli sul mercato tedesco seppure esso fosse estremamente conservatore.

A quei tempi, i prodotti giapponesi erano un po' esotici e il modo significativamente diverso in cui venivano presentati in occasione di fiere ed eventi commerciali irritò i concorrenti nazionali. Alcuni di loro minacciarono gli organizzatori di boicottare gli eventi commerciali se, a Mitutoyo, fosse stato concesso di presentare i suoi prodotti. Questo però generò l'effetto opposto: i potenziali clienti infatti furono ancora più interessati al nuovo marchio. Presto poi scoprirono la straordinaria qualità di questi strumenti ed i loro prezzi decisamente equi.

Düsseldorf fu la prima scelta quando trattò di trovare il posto giusto per la nuova sede, che venne finalmente fondata nel 1968 con il nome di "Sampoh". Il compito principale della nuova società fu quello di rendere noto il marchio "Mitutoyo" sul mercato europeo: venne introdotto il sistema di agenzia, con un concessionario per ogni paese, mentre nei paesi dell'Europa occidentale vennero fondate agenzie generali. Allo stesso tempo, Mitutoyo si impegnò nel mercato dell'Est europeo ma, a causa della situazione politica nei paesi socialisti, le azioni possibili furono molto limitate. Tuttavia Mitutoyo partecipò a numerose fiere industriali, visitò le associazioni di acquirenti, e presentò i propri strumenti di misura in veicoli dimostrativi, presso i clienti finali.

La fine degli anni Sessanta e gli inizi degli anni Settanta videro gli affari di Mitutoyo in Europa accelerare rapidamente e presto la sede di Düsseldorf raggiunse i suoi limiti. Nel 1974 a Neuss-Norf fu eretto un nuovo edificio con uffici e magazzini, che in breve tempo raggiunse le attuali dimensioni.

La Gran Bretagna, fu un mercato forte fin dagli inizi di Mitutoyo in Europa, e così, nel 1980, venne fondata una filiale ad Andover. Seguirono società di vendita in Scandinavia e nei Paesi Bassi (1981), Belgio (1982), Francia (1986), Italia (1987) e Svizzera (1988).

Il crollo del Patto di Varsavia, rese gli affari di Mitutoyo anche più facili negli ex paesi del WP. Vennero fondate filiali in Ungheria (1997), Polonia e Repubblica Ceca (2002) e successivamente anche in Russia e Romania (2011). La più giovane società di vendita è stata fondata in Austria nel 2013.

Nel mese di gennaio 2010, Mitutoyo ha sincronizzato e rafforzato le attività paneuropee con la creazione di una sede europea. La sede di Mitutoyo Europe GmbH a Neuss supervisiona tutte le attività delle strutture di vendita, assistenza e produzione di Mitutoyo in tutta Europa e nei mercati adiacenti. L'obiettivo chiave di Mitutoyo Europe GmbH è quello di promuovere il coordinamento tra le società europee del gruppo al fine di ottimizzare i suoi servizi di vendita e assistenza tecnica, nel migliore interesse della soddisfazione del cliente.

Mitutoyo CTL Germany GmbH di Oberndorf, fondata nel 1983, si concentra esclusivamente sullo sviluppo di software incredibilmente potenti e facili da usare per la tecnologia di misurazione coordinate 3D. I sistemi di jigging e caricamento e le cabine termiche sono prodotti da KOMEG, una società altamente specializzata acquisita nel 1997.

Oggi Mitutoyo in Europa è rappresentata da 13 società di vendita e agenti generali che coprono i mercati adiacenti. Sotto la direzione strategica di Mitutoyo Europe GmbH esiste una vasta rete di produzione, vendita e assistenza a disposizione dei clienti, con oltre 85 uffici in 33 paesi europei.

Nei loro M3 Solution Center, Mitutoyo presenta ai propri clienti le più recenti tecnologie di misurazione e fornisce soluzioni di ingegneria di qualità premium per supportare la propria attività. Gli Istituti metrologici Mitutoyo sono dedicati alla formazione tecnica che migliora la tecnologia di valutazione delle misure dei clienti. Mitutoyo ha laboratori di calibrazione che hanno ottenuto la certificazione ISO / IEC 17025, contribuendo allo sviluppo e alla manutenzione dei sistemi di controllo qualità e di garanzia della qualità per i clienti di tutta Europa.

Mitutoyo supporta i propri clienti anche con innovative soluzioni di misura su misura o in linea e software ad alte prestazioni e soluzioni automatizzate per praticamente qualsiasi attività di misurazione.

Il futuro delle misure di precisione, come inteso da Mitutoyo, si trova in soluzioni software innovative che mettano in luce tutto il potenziale di misura dell'hardware. L'Internet of Things (IoT) collega una varietà di macchine alla rete, consentendo di monitorare continuamente i processi di produzione in tempo reale. La digitalizzazione, l'automazione e la virtualizzazione sul posto, aumentano l'efficienza del lavoro. È l'inizio di Industry 4.0, una rivoluzione industriale che sfrutta appieno l'IT. Presso le Smart Factories, i dati acquisiti in tempo reale via internet, vengono utilizzati per verificare le operazioni di macchine e personale, riducendo i costi, ottimizzando e garantendo ottimi risultati.

I processi produttivi che Mitutoyo prevede per il futuro non prevedono l'ottimizzazione parziale su base individuale, ma mirano ad aumentare l'efficienza produttiva attraverso la gestione integrata e l'ottimizzazione complessiva basata su scambi reciproci di dati tra i responsabili del design, della produzione e del controllo qualità . Soluzioni innovative come il software Mitutoyo MeasurLink creano un database collegando tutti i dati mrilevati in fabbrica tramite la rete. L'amministratore esegue il monitoraggio centralizzato delle informazioni da tutti i terminali di raccolta dati.

Inoltre, fornisce un potente sistema di backup nell'esaminare i problemi, confermando e svolgendo varie analisi statistiche sui risultati delle misurazioni. Realizza una gestione integrata che consente agli amministratori, alle persone sul posto coinvolte nella produzione e alla sala di controllo di verificare qualsiasi informazione ogni volta che lo desiderano.